21 gennaio 2016

Il Museo della Carta di Toscolano Maderno, grazie al sostegno di Fondazione Telecom Italia e in collaborazione con l' Associazione Calligrafica Italiana e l'Accademia di Belle Arti Santa Giulia, organizza un corso rivolto a 6 giovani aspiranti maestri cartai.
Attiva fin dal XIV secolo, la tradizione lavorativa della Valle delle Cartiere di Toscolano Maderno è una realtà produttiva ancora dinamica, economicamente sostenibile, in grado di svilupparsi e creare posti di lavoro. Quello che manca non è infatti una prospettiva di sviluppo economico, ma un effettivo ricambio generazionale che, facendo leva sulle competenze dei vecchi maestri cartai possa far crescere una nuova generazione di addetti con competenze tecniche e abilità manuali adeguate a portare avanti l'attività delle Cartiere.

Nasce così la cooperativa Toscolano 1381 che si prefigge lo scopo di avviare un significativo tournover generazionale di competenze, in modo da assicurare continuità produttiva e sviluppo per tutta la Valle delle Cartiere.
Un corso intensivo di 260 ore affiancati da esperti maestri cartai e rivolto a 6 allievi, consentirà a due dei diplomati di essere immediatamente integrati all'interno della realtà produttiva locale.
A questo saranno affiancati altri 4 corsi per principianti, dedicati a tutti coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo della carta e della sua produzione.
Le iscrizioni sono ancora aperte.

Info a  toscolano1381@valledellecartiere.it

20 gennaio 2016

Si apre la  III edizione del concorso BLOGS & CRAFTS i giovani artigiani e il Web per  sostenere  i giovani  artigiani  e  dar loro visibilità sui social.
Saranno selezionati 10 artigiani under 35 che dal 12 al 15 maggio 2016, in occasione della XXII  edizione  di  ARTIGIANATO  E  PALAZZO,  saranno ospiti  gratuiti  nell’area BLOGS & CRAFTS all'interno del Giardino Corsini di Firenze.

Per i giovani artigiani  la domanda di partecipazione si può inviare fino al 4 marzo.
La novità  di  quest'anno è il  “Premio  SOURCE”  in  collaborazione  con  l'associazione culturale Altrove.   Uno dei 10 artigiani under 35 che parteciperà a BLOGS & CRAFTS sarà invitato ad esporre alla  IV  edizione  di  “Source” nel settembre 2016.

I migliori blogger esperti di lifestyle, artigianato racconteranno “live” tutte le novità di ARTIGIANATO E PALAZZO, manifestazione che da oltre venti anni promuove in Italia e nel mondo il valore e la qualità del fatto a mano.
Per i blogger il termine per l'invio delle domande di iscrizione è il 18 marzo 2016 

I moduli di partecipazione sono scaricabili  QUI


24 novembre 2015

TAILORITALY, la sartoria ed e-commerce Made in Italy


Un e-commerce che permette ai clienti di personalizzare un total look rigorosamente Made in Italy. Un progetto start-up tailoritaly.com che lo scorso 17-18 novembre 2015 ha partecipato come finalista a Milano alla terza edizione di Decoded Fashion Milan, summit internazionale dedicato a fashion e tech che per due giorni ha portato nel capoluogo lombardo speaker internazionali a confrontarsi sull’attualità e il futuro di moda e tecnologia. 
Vediamo di cosa si tratta dalle parole dei suoi fondatori. 
“Un tempo si andava dalla sarta, ora si clicca con il mouse per acquistare un abito personalizzato tutto Made in Italy" – racconta la giovane imprenditrice lucana Monica Calicchio che con tanto di laurea presa alla Bocconi di Milano ha lavorato in Germania e in Australia per poi realizzare il grande sogno nel Bel Paese. "Siamo una start-up tutta italiana. Ho presentato il progetto e ho vinto il finanziamento, di lì il via alla start-up che attualmente è incubata presso l’acceleratore Tim Wcap. La Tim ci ha fornito gli uffici, io e il mio team abbiamo creato e organizzato il lavoro. Il team e’ composto da me, Giuseppe Giammetta – Art Director con cui sono amica da quando abbiamo 12 anni – Francesco Leone – Project Manager con cui siamo cresciuti insieme – Marco Minutoli – CTO conosciuto nell’ambito start-up a Milano."


In che modo ritieni soddisfacente questa attività?
Con tailoritaly.com tengo insieme la mia anima razionale e matematica con quella artistica. Per me la moda è una forma d'arte. E poi fin da bambina pensavo agli abiti fai da te, sono cresciuta vedendo la mamma alle prese con le stoffe e le sarte…

Come funziona Tayloritaly.com?
Il nostro sito consente di “creare” l'abito: la cliente sceglie il cappotto, la gonna, la maglietta decidendo non solo di quale colore ma anche di quale tessuto realizzarlo. Il tutto viene visualizzato sullo schermo di modo che lei abbia un'idea chiara e concreta del capo che sta per portarsi a casa.

Quasi una sarta online?
Esattamente, il nostro punto di forza è il capo personalizzabile. Puoi scegliere il tipo di bottone, la scollatura, la lunghezza delle maniche…così acquisti un abito unico che si può trasformare sul modello base da noi proposto.

In che modo il prodotto si può dire artigianale e made in Italy?

Ci siamo inseriti in una realtà di alto livello, laboratori sartoriali del sud Italia che producono per grandi nomi riescono a cucire per noi anche usando tessuti locali e a consentirci di consegnare il prodotto finito in due settimane. Anche i prezzi restano competitivi poiché non creiamo fondi di magazzino alle aziende che collaborano con noi, solo dopo che il cliente ordina si mette in moto la produzione.




16 novembre 2015

LORENZO ORGALLO



CHI È: 

Lorenzo è un artigiano calzolaio e insieme a suo padre gestisce la “Casa della Scarpa” a La Spezia.



FORMAZIONE: 

È cresciuto in bottega con suo padre, che fa questo mestiere da più di mezzo secolo. Negli anni si è innamorato di questo lavoro e dal 2008 l'ha affiancato nella gestione del negozio. Gli ha insegnato tutti i segreti di questa antica arte, ma fin da subito è stato molto esigente con lui: quello che ha sempre contraddistinto i suoi lavori è l'utilizzo dei migliori materiali e il saper adattare ogni riparazione all'oggetto riparato in modo tale da renderla il più elegante, precisa e resistente possibile. 

Gli standard a cui lo ha abituato suo padre sono molto alti e lo hanno portato a essere molto rigoroso nello svolgimento di ogni riparazione; allo stesso però tempo sentiva la voglia di sperimentare e accrescere il proprio livello nel lavoro. Essendo La Spezia città di mare con una lunga tradizione nell'uso degli zoccoli di legno, e avendo la possibilità di studiare pregi e difetti di ogni modello durante le riparazioni, è rimasto colpito da come spesso negli anni estetica, resistenza e comodità non riuscissero a essere integrati se non uno a discapito di un altro. Dopo svariate prove e ricerche sulle forme, i ceppi e i materiali migliori da utilizzare, sia per dare confort e qualità, che per permettere al cliente di portare un modello totalmente personalizzato, nel 2010 affianca alla riparazione la produzione degli zoccoli su misura fatti a mano “Lorenzo O.”. Ogni giorno cerca di migliorare il suo prodotto, e dopo aver collaborato con artigiani di Forte dei Marmi e di Firenze, nel 2014 ha iniziato il corso “Shoes in Italy IFTS” presso l'Istituto Modartech di Pontedera, dedicato alla specializzazione nel settore delle calzature fatte a mano, durato un anno, alla fine del quale mi sono diplomato come “tecnico specializzato delle attività di realizzazione e riparazione di scarpe, livello EQF: IV”. Questo è stato un vero salto di qualità, perché ha potuto così studiare e approfondire lo sviluppo di una calzatura, dal disegno alla realizzazione finale, sia nei mesi passati in laboratorio che durante lo stage in una delle botteghe più prestigiose al mondo: la “Mario Bemer” di Firenze. Grazie a questi ottimi maestri, ha migliorato notevolmente il proprio livello di lavoro nella riparazione che negli zoccoli da lui stesso creati, sempre più motivato dalla soddisfazione dei clienti ad apprendere e migliorare ulteriormente.



LAVORO ATTUALE E PROGETTI FUTURI: 

Attualmente Lorenzo gestisce insieme al padre la “Casa della Scarpa” in via Veneto a La Spezia. La riparazione rimane il punto fermo della sua attività di calzolaio. Ma sente la necessità di continuare sviluppare e dare un'identità ancora più forte al suo prodotto “Lorenzo O.”, utilizzando forme moderne ma assolutamente confortevoli con legni leggeri ma resistenti, materiali sempre più pregiati (come la “pelle in crust”, un prodotto conciario che viene colorato e rifinito a mano in bottega, difficile da lavorare ma che dà ottimi risultati) ed eseguendo ogni passaggio, dalla progettazione alla realizzazione del prodotto finito, completamente a mano.    


CONTATTI:

“Casa della Scarpa”, La Spezia, via Vittorio Veneto 237  
tel -  3891317432 
e-mail  -  lore-salvo@hotmail.it

13 novembre 2015

HOMI Maker Design Awards - il concorso per artigiani per partecipare gratuitamente al prossimo HOMI




HOMI, fiera degli stili di vita di Milano Fiera, in collaborazione con Artex, Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana e con il patrocinio di CNA e Confartigianato, hanno indetto l’HOMI MAKER DESIGN AWARD, un concorso riservato a giovani creatori di età inferiore ai 35 anni (alla data del 1° gennaio 2016) che mette in palio la partecipazione gratuita a HOMI, una delle più importanti fiere dedicate alla casa.

La scadenza per inviare le candidature è il 14 Dicembre 2015

Il concorso è riservato ad artisti, artigiani, diplomati e/o laureati di tutti i livelli di insegnamento artistico e progettuale, e giovani in fase di creazione d’impresa.

Le condizioni per poter partecipare sono 1) avere una produzione propria e 2) non avere mai esposto le proprie produzioni a MACEF (Salone internazionale della casa).
Per partecipare inoltre è necessario fare riferimento alle 2 sezioni di HOMI:

  • HOMI MAKER DESIGN AWARD – living habits
aperto alle auto produzioni che si inseriscono nei settori della decorazione casa e lifestyle in genere.

  • HOMI MAKER DESIGN AWARD – fashion & Jewels
aperto alle auto produzioni che si inseriscono nei settori del gioiello ed accessorio moda.


I 6 vincitori (3 nella sezione living habits e 3 nella sezione fashion & Jewels) del concorso avranno diritto a:

. uno stand pre-allestito gratuito all’interno delle nuove aree SPERIMENTA di HOMI,  
  rispettivamente nei padiglioni Living habits e Fashion & Jewels, per l’edizione di Gennaio
  2016.

. pernottamento gratuito per la durata della manifestazione (per 1 persona);

. pubblicizzazione sul materiale promozionale della manifestazione.





Per informazioni:
Tel. +39 055 570627 

Maria Elena Angeli

3 novembre 2015

SARA SPOLVERINI



-CHI È:

Sara è una persona creativa, le piace progettare e realizzare gioielli personalizzati e su misura, dei veri e propri pezzi unici, che le permette di stare a diretto contatto con il cliente e studiare un prodotto sempre diverso, trovando ogni volta una nuova ispirazione. Quello che più la stimola e la gratifica del suo lavoro è l'aspetto di continua ricerca e progettazione che permette di evolvere e maturare sia da un punto di vista personale che professionale.


-FORMAZIONE:

Ha frequentato il Liceo Artistico di Livorno e successivamente si è laureata a pieni voti all'Università di Architettura di Firenze, indirizzo Progettazione di accessori per oreficeria. Ha un'innato interesse per l'Arte, studia e fa ricerche continuamente riguardo la Storia dell'Arte, la Storia del costume e del gioiello, tutti i gioielli da lei creati hanno alla base un'accurata ricerca artistica e formale. Partecipa a eventi e fiere, si tiene aggiornata alle tendenze del momento leggendo riviste e visitando mostre ed esposizioni.


-LAVORO ATTUALE E PROGETTI FUTURI:

Sara Spolverini è un'artista, non solo realizza gioielli fatti a mano con le tecniche orafe artigianali, ma tutte le sue creazioni sono il frutto di un'accurata ricerca formale e artistica, sono pezzi unici studiati su richiesta, personalizzati e su misura. Partecipa a fiere dell'artigianato, mostre ed esposizioni con lo scopo di far conoscere le sue creazioni ma sopratutto per trovare nuove possibilità per lo sviluppo di progetti unici. L'ideazione di un nuovo gioiello parte da un'idea o dalla volontà di esprimere un pensiero o raccontare una storia, attraverso dei bozzetti l'artista cerca di dare forma al concetto, e successivamente sviluppa un disegno tecnico dove vengono analizzati gli aspetti di portabilità, misure e volumi di quello che sarà il gioiello finito. Alla fase progettuale segue quella produttiva che si svolge secondo l'antica tecnica orafa della micro fusione a cera persa: la cera viene scolpita a mano, successivamente attraverso la fusione viene creato il pezzo in metallo che dovrà essere poi rifinito e lucidato.  
In futuro ha intenzione di aprire un laboratorio con negozio per permettere alle persone di vedere quello che fa e seguire tutte le fasi del processo creativo.


INFO:

Rock'n'Love® Art Jewellery

22 ottobre 2015

MAKE/FLORENCE, la sfida tra creativi per i nuovi Souvenir di Firenze


A Firenze, fra il 17 e il 20 novembre, si svolgerà il Make/Florence, una make-a-thon, cioè una gara tra gruppi di creativi che si impegnano in una maratona di idee per arrivare alla creazione di un prototipo di un nuovo prodotto. L'oggetto di quest'anno è la realizzazione di nuovi Souvenir di Firenze.

Il nome proviene da hackathon, la competizione generalmente indirizzata alla programmazione, alla creazione di codice per web, app e simili. Il make-a-thon mette da parte il virtuale per rivolgersi invece al mondo della creazione e coinvolge designer, artisti, maker, esperti di marketing e artigiani.  

Suddivisi in team multidisciplinari, i partecipanti realizzeranno il loro prototipo affrontando tutte le fasi del lavoro, dalla ideazione alla realizzazione effettiva. Al termine, una giuria qualificata premierà l'idea più creativa.


Le iscrizioni sono aperte fino a domenica 25 ottobre.

http://www.makeflorence.org/

14 ottobre 2015

Regione Toscana premia 18 app utili a vivere meglio



Sono diciotto le idee premiate sabato 10 ottobre 2015 nel primo StartApp contest organizzato dalla Regione Toscana all'Internet Festival di Pisa. Diciotto idee e ventimila euro ad ognuno di coloro che le ha sviluppate, trecentosessantamila in tutto. 

Diciotto idee ed altrettante startup o imprese di giovani, già nate o pronte a nascere. Diciotto idee e diciotto applicazioni o siti responsive, capaci di adattarsi automaticamente a seconda che li consulti da un pc, un tablet o uno smartphone, utili per accorciare le distanze con la pubblica amministrazione o per vivere meglio.

Tra le diciotto idee premiate c'è un po' di tutto. La maggior parte sono utilità (tredici) capaci di aiutare a vivere meglio e risparmiare tempo, quattro sono applicazioni che hanno a che fare con viaggi e turismo ed una con la mobilità, o meglio con la ricerca di un parcheggio condiviso in città.

Dai parcheggi alle guide turistiche su misura.

Il contest era stato lanciato ad aprile. Le domande (24) sono state raccolte durante l'estate. "L'idea – spiega l'assessore ai sistemi informativi della Toscana, Vittorio Bugli – nasce dalla volontà di arricchire di ulteriori contenuti Open Toscana, la piattaforma della Regione inaugurata l'anno scorso per offrire un rapporto più snello con la pubblica amministrazione, e di farlo utilizzando magari gli open data che la Regione possiede". "Ma il premio è anche un modo – prosegue – per valorizzare le tante start up che lavorano in Toscana. Per rinnovare la pubblica amministrazione occorre sfruttare le loro buone idee. Il contest è uno degli strumenti messi in campo, da un anno a questa parte, per creare una comunità di innovatori a servizio della pubblica amministrazione".

Per conoscere quali siano state le App premiate, potete visitare il sito dedicato http://open.toscana.it/web/startup/startapp-contest

5 ottobre 2015

OmA® Brand certifica i talenti del fatto a mano del negozio 'made in Italy' del colosso Amazon




L’artigianato artistico in Italia? Un'eccellenza che nell'offerta della rete deve rispettare i criteri di qualità e autenticità. Per questo Amazon, nota azienda americana di vendita online, volendo valorizzare sul suo portale e-commerce la vendita di prodotto made in Italy, ha dialogato con OmA (Osservatorio dei Mestieri d'Arte) che da anni è attivo nella valorizzazione e promozione delle botteghe artigianali alle quali, sulla base di una rosa di criteri di qualità certificata, conferisce il proprio marchio e la targa OmA. 

OmA da qualche tempo è infatti diventato un vero e proprio marchio OmA® (http://www.osservatoriomestieridarte.it/omabrand/) di proprietà dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, a cui si deve il sostegno costante e determinante fin dalla nascita dell’Associazione, che certifica il talento dell’artigiano e garantisce la qualità di lavorazioni a prevalenza manuale controllando il processo produttivo, le tecniche e i materiali tradizionali è un privilegio assoluto in Italia. 

Amazon, con il proprio market place, apre così la nuova sezione di oggetti artigianali con il negozio Made in Italy coinvolgendo il braccio strategico e operativo di OmA in questa impresa: la Fondazione TEMA (Tecnologie per i mestieri d'arte, i beni culturali e l'artigianato), promossa da Ente Cassa di Risparmio di Firenze con l'obiettivo di accrescere il livello di innovazione, internazionalizzazione e competitività delle imprese toscane del settore artigianale.

25 settembre 2015

JOB REVOLUTION 2 - Spazio Start Up



Due giorni di laboratori, workshop ed eventi finalizzati a parlare ai giovani di impresa. È Job Revolution, la seconda edizione dell'iniziativa realizzata da Vivaio per l’Intraprendenza APS (insieme al servizio Europe Direct del Comune di Firenze ed in partnership con Junior Achievement Italia, per il programma The Entrepreneurial School), al via il 29 settembre al complesso Le Murate di Firenze. 

Anche OmA partecipa all'evento con un workshop dal titolo Business to go - Artigiani e maker, in cui vengono proposti modelli di rinnovamento dell’artigianato classico ed esempi di come la  rivoluzione digitale stia creando nuovi scenari di impresa artigiana.

OmA, da sempre attento a favorire l’ingresso dei giovani nel mondo dell’artigianato artistico, è presente con lo staff di OmA2040. Da tempo infatti, agli artigiani tradizionali si sono affiancati quelli che utilizzando le nuove tecnologie (stampa 3D, taglio laser) dando vita alla contemporanea definizione di maker
È per questo motivo che OmA2040 ha attivato una collaborazione con MakeTank, startup che fornisce visibilità ai digital maker e ai loro originali prodotti, ospitando sul blog una selezione di questi.
Le maestre orafe Viola Foggi e Negar Azhar Azari insieme ai maker Claudio Materietti e Laura Calligari, parlano delle potenzialità delle nuove tecnologie nel loro lavoro nel workshop Business to go - Artigiani e maker, coordinato da Federica Faraone di OmA2040.



Job Revolution
28-29 settembre 2015
Le Murate, Firenze
Workshop Business to go - Artigiani e maker moderato da Federica Faraone, OmA2040
Martedì 29 settembre 15.45-16.45
Partecipazione gratuita su iscrizione



LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...